La finanza etica e sostenibile: un nuovo paradigma

(a cura di Andrea Scatozza)

 

Quali valori ispirano le strategie di investimento di un gestore di portafoglio? Quali sono i principi in cui crede quando investe per conto dei propri clienti? C’è spazio per l’etica nella finanza? La risposta è sì! La finanza etica e sostenibile si sta progressivamente affermando nella cultura gestionale di molti investitori, influenzandone le rispettive strategie di investimento. Infatti, oltre ai tradizionali criteri valutativi per l’analisi di un titolo, è possibile definire la bontà di una società da acquisire o da finanziare considerando le esternalità dirette ed indirette che il suo business ha sulla comunità e sull’ambiente. L’assunto è che la creazione di valore nel medio-lungo periodo sia conciliabile, o addirittura massimizzabile, con strategie aziendali virtuose che tengano conto delle responsabilità sociali ed ambientali. L’investitore dunque, oltre alla ricerca di performance finanziaria, aspira a generare un valore aggiunto sociale e/o ambientale. Questa tipologia di investimenti viene genericamente definita Social Responsible Investment (SRI).

Come trova applicazione concreta la Finanza Etica e Sostenibile?

Criterio negativo: Alcuni fondi scelgono di non investire in società il cui business è ritenuto non etico, (come nel caso della produzione di armi e di tabacco), inquinante o irrispettoso dei diritti umani.

Criterio positivo: Altri fondi, invece, svolgono un’attenta analisi al fine di individuare ed investire in società “etiche”, ovvero che abbiano un impatto positivo sull’ecosistema e sulla comunità in cui operano. A ciò si può aggiungere un azionariato attivo, volto al dialogo tra gli azionisti e la società per indirizzare l’azienda verso pratiche più sostenibili.

Come si individuano le società etiche e sostenibili?

Per valutare l’eticità di una società è possibile servirsi dei criteri ESG (Environmental, Social and Governance). Essi si declinano in una molteplicità di coefficienti numerici, che danno all’investitore l’opportunità di valutare nel dettaglio il profilo ambientale, sociale e di governance di un’impresa, e di confrontarlo con i suoi competitor operanti nel medesimo settore.

Cosa analizzano i criteri ESG?

Environmental: tramite una parametrizzazione ai ricavi della società, si analizza il consumo di energia e di acqua, l’inquinamento e l’utilizzo di energie rinnovabili. Inoltre, vengono analizzati i rischi ambientali a cui la società è esposta e che potrebbero incidere negativamente sulla profittabilità dell’impresa.

Social: tramite questo criterio si valutano le relazioni tra la società ed i suoi stakeholder, quali ad esempio i dipendenti, i fornitori ed i clienti. Inoltre, si considera il contributo apportato alla comunità in cui l’azienda opera.

Governance: in questa categoria vengono analizzati gli aspetti inerenti la governance di una società, come ad esempio la parità di genere nel board, le politiche di remunerazione di quest’ultimo, l’anzianità degli amministratori, la trasparenza del loro operato e l’allineamento di interessi tra azionisti e management.

Che effetti ha la scelta di investire responsabilmente sui profitti?

Alcune ricerche dimostrano che la profittabilità non venga diminuita da strategie etiche e virtuose. Quest’ultime, anzi, possono rivelarsi un driver per la crescita e la creazione di valore: le società che agiscono responsabilmente, dunque, possono offrire rendimenti nel lungo periodo superiori alle concorrenti.

Come può un piccolo risparmiatore scegliere investimenti socialmente responsabili?

L’offerta di fondi comuni d’investimento socialmente responsabili sta avendo una crescita esponenziale negli ultimi anni. Essi, di conseguenza, sono presenti nei panieri d’offerta della maggior parte dei canali distributivi. Tenendo sempre conto del proprio profilo di rischio-rendimento, nonché dell’orizzonte temporale ottimo, è possibile sottoscrivere quote di fondi, azionari ed obbligazionari, che investano esclusivamente in società etiche e socialmente responsabili. Se non si è esperti, ovviamente, la consulenza di un professionista rimane imprescindibile.

 

Seguiteci sui social per avere news sui prossimi eventi. Vi aspettiamo!

Facebook: https://www.facebook.com/yezersofficial/

Instagram @yezers_